Cercami

Papà, papà dove sei? Vienimi a cercare, qui fa tanto freddo e non voglio più soffrire. Ti ricordi papà? Quando non mi facevi uscire, dicevi che non stava bene, che ero la tua principessina. Ma io non avevo voglia di stare a casa, volevo essere come le mie amiche e allora mamma mi aiutava, lo sai? Diceva che anche voi vi vedevate di nascosto, che non volevi che mi mancasse nulla.

Ti ricordi i vestiti papà? I jeans stretti che comprai con mamma e il mascara che quando mi vide disse: “Sei tale e quale a me quando ero giovane”. Ti ricordi come ti arrabbiasti papà? Me li buttasti nel cassonetto, dicevi che mi facevano sembrare più grande, che c’era tempo per crescere

Ma adesso papà non smettere di cercarmi, vienimi a trovare, mi ci ha messo Giorgio qui, ti ricordi? Non ti è mai piaciuto, e più ne parlavi male, più mi intestardivo e mamma che mi aiutava, diceva che anche tu avevi un brutto carattere, come Giorgio, ma che le volevi bene.

E Giorgio era forte come te, mi chiamava principessa proprio come te e anche lui diceva che non mi dovevo truccare, che dovevo essere bella ma solo per lui. Una volta mi desti uno schiaffo quando lo scopristi e mi chiudesti a casa.

Allora scappai, con Giorgio, perchè anche lui mi amava, anche lui pensava che fossi troppo preziosa per uscire di casa. Ma lui mi picchiava, non una ma due, tre, cento volte, finché ho capito, ho capito che dovevo scappare, un’altra volta volta, ma adesso da sola, che non potevo stare sempre a casa a fare la bella statuina.

Papà vienimi a cercare, sono qui sotto, sotto il pero, vicino casa sua, mi ci messo Giorgio dicendo che mi amava. Che mi amava. Che mi amava tanto che non potevo appartenere a me, che ero sua, solo sua, facendomi tanto male.

Vienimi a cercare papà, portami via da questo posto freddo. Vienimi a trovare.
20121114-184957.jpg

Posted using Tinydesk blog app

Informazioni su ohmarydarlingblog

The game
Questa voce è stata pubblicata in Micro storie di donne e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

29 risposte a Cercami

  1. Rosa Andronaco ha detto:

    sentimenti forti ben descritti ♥

  2. in fondo al cuore ha detto:

    molto forte…..buona giornata!

  3. fausta68 ha detto:

    E’ tremendo….ma quante voci… da sotto un pero…..

  4. newwhitebear ha detto:

    Quando finisce un amore in tragedia, si odono solo voci in lontananza.
    Ottimo post.
    Un caro saluto

  5. Drimer ha detto:

    Mi viene da dire che ognuno ha il proprio albero della vita, questo che hai descritto trasmette tanto amore quanto la fatica infelice spesa per farlo crescere e purtroppo non ha dato i frutti sperati, l’innesto non è andato a buon fine.
    Forse sarà fuori luogo ma il post è veramente bello, ciao.
    S.

    • ohmarydarlingblog ha detto:

      Grazie, lo apprezzo molto. Un genitore come fa sbaglia. Io ho capito questo e corrisponde ad una mia preoccupazione. I miei sono molto piccoli e farò di tutto per garantirgli un futuro sereno. Ma farò la cosa giusta?

      • Drimer ha detto:

        Incominciamo a spiegare e illustrare a loro questa vita così varia e impegnativa, soprattutto che il domani passa dalle scelte che si fanno oggi, anche per noi quella volta era così.
        Se ce la faremo non lo so, ma ci dobbiamo provare perchè il nostro passato…ce lo impone.
        L’unico lavoro al quale non è riconosciuta la cassa integrazione è quella del genitore e fa anche gli straordinari…per i figli.
        Ciao Mary e buon lavoro🙂

      • ohmarydarlingblog ha detto:

        Grazie delle bellissime parole😘

  6. sylvietta ha detto:

    Io ho due figlie e a volte (spesso) mi chiedo come sarà il loro futuro.. Se saranno fortunate e troveranno qualcuno che saprà amarle, se saprò insegnare loro il rispetto per se’ stesse… Questo post è molto vero. Molto “bello” nella sua crudeltà. Grazie per averlo scritto.

  7. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto and commented:
    Add your thoughts here… (optional)

  8. wyllyghost ha detto:

    la vita… come poter tornare indietro e correggere gli errori? come fare a evitarli? come tenere legate a se le persone giuste e lasciare andare quelle sbagliate? troppe domande, come al solito.e come al solito non ho risposte. accidenti a me…

  9. made57 ha detto:

    molto toccante….!!!!

  10. liù ha detto:

    Dire che è un post bellissimo sembra fuori luogo! Mi ha toccato profondamente,a fine lettura avevo gli occhi velati di lacrime pensando a quante giovani donne vengono massacrate quasi giornalmente per un “Amore malato”!
    chi ama veramente non uccide!
    Un caro abbraccio
    liù

  11. fab ha detto:

    credo che non esista l’amore malato, forse è una patologia psichiatrica che impedisce di distaccarsi, difendersi, ma l’amore non è questa cosa qua!

  12. quarchedundepegi ha detto:

    Ho scritto più di un articolo sull’argomento “violenza contro le donne”; è una cosa che non sopporto.
    Il tuo articolo… fa venir la pelle d’oca… esattamente come certe violenze.

  13. Mariella Lamonica ha detto:

    che dire, toccante, scioccante, profondo, crudo e, ahimè, veritiero…non è amore quello, non è amore, ma quanto è facile dirlo quando non si è direttamente coinvolti in una faccenda del genere, e quanto è difficile uscire da certe situazioni una volta coinvolti =(

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...