La melma

Voglio soffrire

Voglio morire

Voglio di notte nel buio marcire

Voglio le ossa dentro a una fossa

Voglio una bara di stagno che possa

Lasciar commossa la gente losca

Fare la fine che ha fatto la tosca

Come una mosca lascia che nasca

E che vada a finire diretta in una vasca

piena melma

Che si che lo so che fa rima con merda

Si ci sta bene

Come le pere

Che mi farei le mattine e le sere

Per sopportare questo liquame delle mie brame

Che fa di me regina assai infame

Le ossa rotte che fanno a botte

Con la violenza del sole che fotte

La gente inerme con quella luce

Che un dì ti verrà tolta in un modo un po’ truce

Informazioni su Ohmarydarlingblog

The game
Questa voce è stata pubblicata in Depressione, Slim poems e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La melma

  1. Diemme ha detto:

    Letta la prima riga non sarei voluta andare avanti perché non ero nello spirito di tristezza, invece sono andata avanti e mi piace, vera, e persino simpatica nella sua scanzonata crudezza, complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...